La Zena Rommett Floor Barre®: la miracolosa tecnica proveniente dal balletto che fa del bene a tutti

Da qualche anno, qui in Italia, si sente parlare della Zena Rommett Floor-BarreTM Technique; sviluppata più di 45 anni fa negli USA da Zena Rommett ed estremamente popolare a New York.

Il 10 marzo 1925 partì da Genova la nave S.S. Duilio diretta in America, la terra dei sogni. A bordo c’era una bambina di 5 anni: Angelina (Zena). Arrivati a New York, Zena convinse i suoi genitori a farle prendere lezioni di danza. La sua innata grazia, l’abilità nell’intricata tecnica del balletto e il duro lavoro la resero in grado di studiare per 8 anni con borsa di studio totale. La sua formazione con Balanchine e altri maestri dei Ballets Russes e del Bolshoi a New York le permisero di portare la sua esperienza in tutta Europa e in diversi musical di Broadway.

Dal 1962 insegna danza classica negli USA, in Europa e in Asia. Tre anni dopo, la leggenda della danza americana Robert Joffrey invitò Zena presso il suo American Ballet Center. Insegnando ad alcuni danzatori classici notò poca corrispondenza tra l’estetica, la ricerca della linea e la bellezza del corpo e la consapevolezza di ciò che stavano facendo. Partì quindi dall’esigenza di migliorare la percezione del ballerino, interna ed esterna, la consapevolezza profonda di dove si è nello spazio perché, come raccontava, “i ballerini imitavano i movimenti in modo superficiale, senza realmente esserne coscienti, spesso mancando di una base tecnica adeguata, allora ho cominciato a farli lavorare a terra, cercando principalmente di correggerli”. Aprì quindi la sua scuola in West 3rd Street, presto conosciuta come ‘Oasis of Dance’ dove ha dato vita alla Floor-Barre®, la sua rivoluzionaria tecnica.

Danzatori da ogni disciplina e dalle maggiori compagnie, così come attori, cantanti e atleti, fioccavano allo studio di Zena. La lunga lista dei suoi devoti comprende diverse star di Broadway, del balletto, del cinema, dello sport e prominenti professionisti della medicina e della riabilitazione; durante i suoi 60 anni di insegnamento sono stati suoi studenti Judith Jamison, Tommy Tune, Patrick Swayze, Judith Jamison, Lar Lubovitch (e la sua compagnia), diversi primi ballerini dell’ABT, del NYC Ballet, Joffrey, Martha Graham, Jose Limon, e diverse generazioni di danzatori dell’Alvin Ailey.

La Signora Rommett ha ottenuto la reputazione di “modest legend” tra innumerevoli artisti di talento la cui carriera “dipende completamente dal suo genio”, aiutandoli a raggiungere un nuovo livello di confidenza e libertà nel perseguire la perfezione. La ricerca di Zena per la purezza negli impulsi dei movimenti permette ai danzatori la libertà che li aiuta a massimizzare i loro talenti ed estendere le loro carriere professionali.

Basata sul balletto, la Zena Rommett Floor-BarreTM scolpisce il corpo, creando lunghe e squisite linee, permette al danzatore di sentire come il suo corpo lavora in modo corretto, quali muscoli dovrebbero venire coinvolti, quando e come, per ricentrare il corpo. Allineamento, transizione e postura possono venire corretti o ridefiniti. Aumenta inoltre la flessibilità, la forza e la fluidità.

Durante la Floor-BarreTM gli studenti eseguono basici movimenti provenienti dal balletto mentre sono stesi sul pavimento, guidati da istruzioni verbali. Senza combattere contro la forza di gravità o sopportare il peso del proprio corpo, modelli corretti di movimento divengono parte della memoria muscolare dello studente, rimpiazzando i vizi con un allineamento corretto, e vengono rinforzati nel lavoro in piedi alla sbarra e al centro. La tecnica della Rommett è consigliata come una risorsa valida e terapeutica per riabilitare o ri-allenare il corpo per evitare infortuni e abusi. Zena ricevette infatti l’approvazione di noti fisioterapisti specializzati nel trattamento degli infortuni della danza e degli sport come pioniera nella prevenzione degli infortuni e nella riabilitazione.

La struttura fisica viene centrata, allungata e rinforzata; le tensioni si allentano mentre la massima voltatura (en dehors) e l’estensione vengono sviluppate. Il movimento, correttamente allineato, diviene parte della memoria muscolare del danzatore, aumentando e raffinando le sue abilità, incrementando l’espressività artistica, aiutando a migliorare la performance in generale.

La tecnica di Zena è di ausilio nella riabilitazione così come nella prevenzione di infortuni. Adatta anche ai non danzatori, può essere molto utile per atleti, ginnasti e tutti coloro che vogliono riprendersi da un infortunio o persone che soffrono di alcune patologie croniche.

Dal 1968 la Zena Rommett’s Floor-Barre® Technique ha aiutato danzatori infortunati a recuperare velocemente e ha esteso la loro carriera. Il programma ha anche aiutato persone “normali” che soffrivano di mal di schiena a ridurre significativamente il dolore fino a eliminare completamente i loro sintomi, così anche i non-danzatori possono beneficiare di questo programma, conosciuto anche come The Art of Floor-Ballet (l’arte del balletto al pavimento).

La sua influenza è globale. Il suo lavoro ha elevato la forma d’arte della danza a una scienza del movimento. Cercando di trasmettere la sua passione e i suoi risultati alle generazioni future, la Signora Rommett e sua figlia Camille formano e certificano istruttori di danza e fisioterapisti nella tecnica Floor-Barre® dal 1998. I partecipanti arrivano da tutto il mondo e ritornano ogni anno per condividere e approfondire la loro conoscenza della Floor-Barre®. Nel 2016 le certificazioni si svolgeranno a Parigi dal 20 al 24 Luglio e, ovviamente, a New York dal 17 al 21 Agosto.

Comments

comments

Alexandra Foffano

Danzatrice e coreografa, Alexandra Foffano intraprende lo studio della danza classica all'età di 7 anni, apprendendo il metodo russo Vaganova e il londinese Royal Academy of Dance. Oltre alla danza classica, studia danza Contemporanea e Modern Jazz, avvicinandosi gradualmente alla tecnica Horton. Inoltre, è insegnante certificata ABT e insegnante della tecnica Zena Rommett Floor-Barre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Our website uses cookies, as almost all websites do, to help provide you with the best experience we can. Cookies are small text files that are placed on your computer or mobile phone when you browse websites Our cookies help us: Make our website work as you'd expect Remember your settings during and between visits Offer you free services/content (thanks to advertising) Improve the speed/security of the site Allow you to share pages with social networks like Facebook Continuously improve our website for you Make our marketing more efficient (ultimately helping us to offer the service we do at the price we do) We do not use cookies to: Collect any personally identifiable information (without your express permission) Collect any sensitive information (without your express permission) Pass personally identifiable data to third parties Pay sales commissions You can learn more about all the cookies we use below Granting us permission to use cookies If the settings on your software that you are using to view this website (your browser) are adjusted to accept cookies we take this, and your continued use of our website, to mean that you are fine with this. Should you wish to remove or not use cookies from our site you can learn how to do this below, however doing so will likely mean that our site will not work as you would expect. More about our Cookies Website Function Cookies Our own cookies We use cookies to make our website work including: Remembering your search settings Allowing you to add comments to our site There is no way to prevent these cookies being set other than to not use our site. Social Website Cookies So you can easily “Like” or share our content on the likes of Facebook and Twitter we have included sharing buttons on our site. Cookies are set by: The privacy implications on this will vary from social network to social network and will be dependent on the privacy settings you have chosen on these networks. Anonymous Visitor Statistics Cookies We use cookies to compile visitor statistics such as how many people have visited our website, what type of technology they are using (e.g. Mac or Windows which helps to identify when our site isn't working as it should for particular technologies), how long they spend on the site, what page they look at etc. This helps us to continuously improve our website. These so called “analytics” programs also tell us if , on an anonymous basis, how people reached this site (e.g. from a search engine) and whether they have been here before helping us to put more money into developing our services for you instead of marketing spend. We use: Advertising Cookies Cookies are widely used in online advertising. Neither us, advertisers or our advertising partners can gain personally identifiable information from these cookies. You can learn more about online advertising at http://www.youronlinechoices.com . You can opt-out of almost all advertising cookies at http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices although we would prefer that you didn't as ultimately adverts help keep much of the internet free. It is also worth noting that opting out of advertising cookies will not mean you won't see adverts, just simply that they won't be tailored to you any longer. We use: DoubleClick - Privacy Policy owned by Google Banner Adverts We fund our site by showing adverts as you browse our site. These adverts are usually managed by a partner specialising in providing adverts for multiple sites. Invariably these partners place cookies to collect anonymous data about the websites you visits so they can personalise the adverts to you, ensure that you don't see the same adverts too frequently and ultimately report to advertisers on which adverts are working. Our partners include: Turning Cookies Off You can usually switch cookies off by adjusting your browser settings to stop it from accepting cookies (Learn how here). Doing so however will likely limit the functionality of our's and a large proportion of the world's websites as cookies are a standard part of most modern websites It may be that you concerns around cookies relate to so called "spyware". Rather than switching off cookies in your browser you may find that anti-spyware software achieves the same objective by automatically deleting cookies considered to be invasive. Learn more about managing cookies with antispyware software.

Chiudi