MINUTE VISIONI: i micromosaici della collezione Savelli al Museo Napoleonico

“Il musaico in piccolo è un industrioso e pazientissimo lavoro che ripete la sua origine dall’aver immaginato di filare que’ medesimi smalti di cui si eseguivano i quadri nella basilica di San Pietro”.

Così nel 1847 lo storico Gaetano Moroni ricostruiva la nascita de mosaico minuto in smalti filati, avvenuta durante la seconda metà del Settecento a Roma, fulcro della rinascita dell’arte musiva in età moderna.

Tecnica tipicamente romana, il micromosaico raggiunse il suo apice tra la fine del XVIII e la metà del secolo seguente, quando in città operavano decine di botteghe specializzate, la cui produzione era in massima parte destinata ai viaggiatori stranieri del Grand Tour. Presso questi studi d’arte e negozi di belle arti, per lo più situati tra piazza del Popolo e Piazza di Spagna, operavano numerosissimi artigiani, spesso sotto la guida di maestri affermati, come Giacomo Raffaelli (cui Moroni attribuiva l’invenzione del micromosaico), Antonio Aguatti, Clemente Ciuli, Luigi Moglia, Gioacchino e Michelangelo Barberi, forse parenti fra loro, Guglielmo Chibel.

Allo sviluppo dell’arte del micromosaico tra Sette e Ottocento, il Museo Napoleonico dedica la mostra MINUTE VISIONI. Micromosaici romani del XVIII e XIX secolo dalla collezione Ars Antiqua Savelli, aperta dal 25 giugno al 31 dicembre 2016.

L’esposizione, promossa da Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è organizzata dalla Società Mosaici Artistici con il supporto di Zètema Progetto Cultura ed è curata da Maria Grazia Branchetti, Fabio Benedettucci e Marco Pupillo.

In mostra circa cento oggetti – tra quadri, tavoli, tabacchiere, placchette, gioielli e fermacarte – che mostreranno l’evoluzione del mosaico minuto attraverso le tematiche più diffuse: vedute romane, paesaggi del Grand Tour, nature morte, raffigurazioni di animali.

Nucleo dell’esposizione è una selezione di opere provenienti dalla collezione Ars Antiqua Savelli di Roma, una delle più importanti in ambito internazionale dedicate a questo peculiare genere artistico, frutto di oltre quarant’anni di acquisizioni e ricerche.

MINUTE VISIONI presenta anche il piccolo ma raffinatissimo nucleo di micromosaici appartenenti al Museo Napoleonico, tra cui due tabacchiere, una parure con placchette in mosaico minuto montate in oro, opera di Antonio Aguatti, un fermacarte in marmo nero del Belgio e una rara serie di pendenti per monili con emblemi della Prima Repubblica Romana.

Per la prima volta, inoltre, i mosaici saranno presentati in diretta relazione con opere pittoriche e stampe, per lo più provenienti dalle collezioni del Museo di Roma, in un confronto che consentirà al pubblico di cogliere le affinità iconografiche e le identità formali che caratterizzarono la produzione musiva romana e i contemporanei raggiungimenti nel campo delle arti maggiori. Oltre ad evocare riferimenti o inquadrature, è possibile anche riconoscere il prototipo dal quale il mosaico fu tratto, come nel caso dell’acquaforte di Bartolomeo Pinelli raffigurante una coppia di danzatori di saltarello, alla base di una raffinata, minuscola placchetta. Per altre opere, il riferimento è meno diretto, ma ugualmente significativo: con un piccolo quadro in mosaico è messa in relazione una tempera raffigurante Piazza San Pietro, datata 1824. Nel foglio, la scena è inquadrata entro una cornice ovale, caratterizzata da tralci d’edera posti ai quattro angoli: il bordo della cornice, realizzato imitando piccole sfere dorate, suggerisce che l’opera possa essere servita da modello per una decorazione in mosaico minuto destinata al coperchio di una scatola o di una tabacchiera.

Roma e i suoi maggiori monumenti furono il tema principe delle rappresentazioni in mosaico minuto. Destinate ai viaggiatori di passaggio in città, le vedute dell’Urbe, di ogni dimensione e forma, rappresentano uno dei temi principali della mostra. Tra le opere di maggior fascino è un’Allegoria di Roma di forma ovale. Ispirato ai Ricordi delle passeggiate romane, iconografia molto diffusa nella produzione musiva, il mosaico presenta le immagini del Colosseo e di San Pietro separate dalla figura della Dea Roma; ai lati di quest’ultima, allusione alla grandezza storica e al primato artistico dell’Urbe, la Lupa capitolina e i simboli delle arti. Un analogo tema ricorre in un dipinto esposto, nel quale le due vedute sono separate da un rigoglioso arbusto: davanti ad esso, in primo piano, la dea Roma di Villa Medici, Romolo e Remo allattati dalla Lupa e, ai lati, le personificazioni del Tevere e di una ninfa.

Mostra Minute Visioni
Micromosaici romani del XVIII e XIX secolo dalla collezione Ars Antiqua Savelli
Dove Museo Napoleonico – Piazza di Ponte Umberto I, Roma
Inaugurazione 24 giugno ore 18.00
Quando 25 giugno – 31 dicembre 2016
Orari Da Martedì a Domenica ore 10.00 – 18.00
24 e 31 Dicembre ore 10.00 – 14.00
La biglietteria chiude mezz’ora prima
Giorni di chiusura: Lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio
Biglietteria Ingresso gratuito
Promotori Roma Capitale- Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali Società Mosaici Artistici
Con la collaborazione di MasterCard Priceless Rome
Media Partner Il Messaggero
Organizzazione Zètema Progetto Cultura
Mostra a cura di Fabio Benedettucci, Maria Grazia Branchetti e Marco Pupillo
Info mostra 060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00)
www.museonapoleonico.it, www.museiincomune.it, www.zetema.it

Comments

comments

Glaming Art

Glaming Art è un webmagazine che racconta l'Arte a 360° (musica, fotografia, pittura, scultura, danza, teatro, etc.) e mostra il lato creativo della Moda e del Design seguendo gli eventi e le mostre più interessanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Our website uses cookies, as almost all websites do, to help provide you with the best experience we can. Cookies are small text files that are placed on your computer or mobile phone when you browse websites Our cookies help us: Make our website work as you'd expect Remember your settings during and between visits Offer you free services/content (thanks to advertising) Improve the speed/security of the site Allow you to share pages with social networks like Facebook Continuously improve our website for you Make our marketing more efficient (ultimately helping us to offer the service we do at the price we do) We do not use cookies to: Collect any personally identifiable information (without your express permission) Collect any sensitive information (without your express permission) Pass personally identifiable data to third parties Pay sales commissions You can learn more about all the cookies we use below Granting us permission to use cookies If the settings on your software that you are using to view this website (your browser) are adjusted to accept cookies we take this, and your continued use of our website, to mean that you are fine with this. Should you wish to remove or not use cookies from our site you can learn how to do this below, however doing so will likely mean that our site will not work as you would expect. More about our Cookies Website Function Cookies Our own cookies We use cookies to make our website work including: Remembering your search settings Allowing you to add comments to our site There is no way to prevent these cookies being set other than to not use our site. Social Website Cookies So you can easily “Like” or share our content on the likes of Facebook and Twitter we have included sharing buttons on our site. Cookies are set by: The privacy implications on this will vary from social network to social network and will be dependent on the privacy settings you have chosen on these networks. Anonymous Visitor Statistics Cookies We use cookies to compile visitor statistics such as how many people have visited our website, what type of technology they are using (e.g. Mac or Windows which helps to identify when our site isn't working as it should for particular technologies), how long they spend on the site, what page they look at etc. This helps us to continuously improve our website. These so called “analytics” programs also tell us if , on an anonymous basis, how people reached this site (e.g. from a search engine) and whether they have been here before helping us to put more money into developing our services for you instead of marketing spend. We use: Advertising Cookies Cookies are widely used in online advertising. Neither us, advertisers or our advertising partners can gain personally identifiable information from these cookies. You can learn more about online advertising at http://www.youronlinechoices.com . You can opt-out of almost all advertising cookies at http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices although we would prefer that you didn't as ultimately adverts help keep much of the internet free. It is also worth noting that opting out of advertising cookies will not mean you won't see adverts, just simply that they won't be tailored to you any longer. We use: DoubleClick - Privacy Policy owned by Google Banner Adverts We fund our site by showing adverts as you browse our site. These adverts are usually managed by a partner specialising in providing adverts for multiple sites. Invariably these partners place cookies to collect anonymous data about the websites you visits so they can personalise the adverts to you, ensure that you don't see the same adverts too frequently and ultimately report to advertisers on which adverts are working. Our partners include: Turning Cookies Off You can usually switch cookies off by adjusting your browser settings to stop it from accepting cookies (Learn how here). Doing so however will likely limit the functionality of our's and a large proportion of the world's websites as cookies are a standard part of most modern websites It may be that you concerns around cookies relate to so called "spyware". Rather than switching off cookies in your browser you may find that anti-spyware software achieves the same objective by automatically deleting cookies considered to be invasive. Learn more about managing cookies with antispyware software.

Chiudi